E’ morto l’ex arbitro di serie A e attuale designatore della serie B Stefano Farina. Un grave lutto colpisce il mondo del calcio italiano e in particolare quello arbitrale. E’ deceduto improvvisamente all’età di 54 anni l’ex arbitro internazionale. A darne notizia è l’Associazione italiana arbitri (Aia). Era malato da tempo ma, per tutelarne la privacy così come richiesto dalla sua famiglia, non era stata comunicato nulla a riguardo. Arbitro della sezione di Novi Ligure dal dicembre del 1979, Farina ha debuttato nella massima serie del campionato italiano nel gennaio del 1995 dirigendo complessivamente 236 gare e 117 partite di serie B. Ha diretto due finali di Supercoppa Italiana e la finale di Supercoppa Europea del 2006. Osservatore Uefa, è stato rappresentante degli arbitri in attività e responsabile Commissione arbitri nazionale (Can) serie D e Pro.

“Il presidente dell’Aia Marcello Nicchi ed il vice Narciso Pisacreta, insieme ai componenti del Comitato nazionale, al responsabile del settore tecnico arbitrale Alfredo Trentalange, ai responsabili degli organi tecnici nazionali, ai componenti della Can B, Cristiano Copelli e Gabriele Gava, anche a nome dei 35.000 arbitri italiani, esprimono alla famiglia di Stefano profondo cordoglio e vicinanza”, si legge in una nota dell’Aia. “Si uniscono il segretario dell’Aia Francesco Meloni, il vice segretario Massimo Solfanelli, il responsabile della Segreteria della Can B Davide Garbini, il direttore responsabile della rivista “l’Arbitro” Carmelo Lentino, i coordinatori della redazione e tutto il personale Figc in forza all’Associazione italiana arbitri”.

In occasione della gara dei quarti di finale dei play-off della serie B Benevento-Spezia e in tutte le partite del weekend, scrive la Federazione italiana gioco calcio su disposizione del presidente Carlo Tavecchio, ci sarà un minuto di silenzio su tutti i campi. Le Nazionali azzurre, impegnate nei prossimi giorni scenderanno anche in campo con il lutto al braccio.

La lettera dell’Associazione nazionale arbitri – “Caro Stefano, la tua partita, quella più importante, si è chiusa in un modo inaspettato, prematuramente, senza darti l’opportunità di concederti il recupero”, ha scritto il presidente dell’Aia Marcello Nicchi. “Quanto è difficile, in questi momenti, scrivere o dire qualcosa, uscire dalla retorica, dalle frasi scontate. E lo è ancora di più per chi, come me, ha avuto l’opportunità di condividere con te un lungo tratto di vita. Ti voglio, ti vogliamo ricordare, così come ti abbiamo conosciuto: un professionista meticoloso, a tratti puntiglioso ma anche simpaticamente giocoso – continua Nicchi – un grande arbitro ed un grandissimo dirigente, maestro formatore. Un padre, un marito e un amico, esemplare. La tua famiglia, e quella arbitrale, perdono un punto di riferimento. Il mondo del calcio perde un grande uomo di sport. Ciao ‘Principe!‘”, termina la lettera d’addio il numero uno dell’Aia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Juventus nella storia, il segreto è nei conti: sono gli unici che hanno vinto tutto guadagnando e non dilapidando capitali

prev
Articolo Successivo

Calcio, David Luiz dà spettacolo: il gol acrobatico a bordo piscina è un vero capolavoro

next