Sono mesi che i tifosi del Crotone continuano a cantarla, stretti nella curva del piccolo Scida, aggrappati ad una favola cominciata chissà come un anno fa di questi tempi. “Non c’erano soldi, ma tanta speranza”: quella frase di A mano a mano, la canzone di Rino Gaetano che negli anni è diventata un po’ l’inno della squadra calabrese, sembra il simbolo di questo loro campionato in Serie A: impossibile, folle, insostenibile. Eppure ancora appeso al filo di una salvezza che sarebbe miracolosa. E a questo punto anche meritata.

A due giornate dalla fine il Crotone è di nuovo in corsa per non retrocedere: una storia iniziata malissimo, che sembrava già finita a gennaio (quando il distacco dalla salvezza era salito in doppia cifra), e poi di nuovo solo un mese fa con la vittoria all’ultimo secondo dell’Empoli nel derby con la Fiorentina, ha ancora una piccola speranza di lieto fine. Anche perché la corsa a due è diventata a tre, risucchiando nel vortice pure il Genoa che è riuscito a perdere contro il già retrocesso Palermo e negli ultimi due mesi ha vinto solo una partita (contro la derelitta Inter: per la serie, c’è sempre chi sta peggio). Un punto di svantaggio dai toscani, due dai genoani: tutto negli ultimi 180 minuti, con un calendario però sfavorevole. Anche la sconfitta della Juventus con la Roma ha complicato i piani di rimonta, visto che i bianconeri dovranno battere proprio contro il Crotone per festeggiare lo scudetto e non potranno regalare punti.

Ad agosto, quando è cominciato il campionato, ma nemmeno a gennaio o qualche settimana fa, nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla salvezza dei calabresi: una squadra probabilmente più scarsa di quella che aveva conquistato la storica promozione lo scorso anno e che avrebbe fatto fatica anche in Serie B; un gruppo costruito con pochi spiccioli, un paio di giovani di belle speranze e tanti carneadi pescati tra categorie minori e campionati stranieri; un allenatore che veniva da due pessime esperienze e che in molti davano per finito. E i primi mesi infatti sono stati un calvario, tra figuracce e delusioni. Ma poi l’umiltà, il lavoro, l’orgoglio hanno fatto scattare qualcosa difficile da spiegare razionalmente: nelle ultime sette partite i calabresi hanno collezionato cinque vittorie e due pareggi. Una media da Champions che ha riaperto i giochi, regalando una speranza ai tifosi rossoblù e un briciolo d’interesse a questa Serie A.

Dobbiamo ringraziarlo, il Crotone: senza la sua reazione, avremmo archiviato anche questo campionato con due mesi d’anticipo, visto che lo scudetto è assegnato da agosto e la corsa all’Europa è chiusa da tempo. La rimonta dei calabresi, forse, ha impartito anche una piccola lezione a chi pensa di poter tirare i remi in barca a gennaio come il Genoa, che per l’ennesima volta ha smantellato la rosa certo di essere ormai salvo, o a chi come l’Empoli la squadra proprio non l’aveva fatta dall’inizio per la stessa ragione: magari l’anno prossimo il presidente di turno ci penserà due volte prima di affrontare la Serie A in questa maniera indegna. Perché il punto è proprio questo: ormai ci sono società che scommettono sulla debolezza altrui per giocare al ribasso, finendo per impoverire tutto il livello del campionato e minarne la credibilità.

Il finale dei calabresi (possibile per altro solo grazie al disimpegno di tante formazioni deconcentrate da un torneo che non ha più nulla da dire: vedi l’Udinese, la Sampdoria o la stessa Inter) non cambia comunque la realtà delle cose: il Crotone era e resta inadeguato, come Palermo e Pescara, Empoli e Genoa. In una Serie A degna di questo nome non avrebbe dovuto esserci nessuna di queste squadre (a dimostrazione che la riforma a 18 squadre sarebbe davvero auspicabile, e forse neppure basterebbe a restituire competitività al torneo). Ma se ci fosse un dio del calcio, almeno dovrebbero salvarsi i calabresi, che il campionato lo hanno onorato fino in fondo. E non chi ha pensato solo a monetizzare sul mercato, convinto che tanto la permanenza in Serie A fosse un privilegio acquisito. Purtroppo però manca poco, forse troppo poco per completare la rimonta. “La bella stagione che sta per finire, ti soffia sul cuore e ti ruba l’amore”. Comunque vada, loro continueranno a cantare lo stesso.

Twitter: @lVendemiale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Inter, la nuova frontiera del tafazzismo? Via Pioli mentre la Juve va in finale di Champions: ultima scena di un manicomio

prev
Articolo Successivo

Ten Talking Points – Quando scrisse The Dark Side of The Moon, Waters pensava a Nagatomo in marcatura su Iemmello

next