Emmanuel Macron che tocca la pancia della moglie Brigitte incinta e la scritta: “Farà dei miracoli“. E’ questa la vignetta firmata Riss e pubblicata come copertina dal settimanale satirico Charlie Hebdo. Il riferimento è alla differenza d’età tra il nuovo presidente della Repubblica francese (39 anni) e la moglie (63). La scelta è stata criticata da alcuni utenti sui social network che hanno accusato il settimanale di sessismo e di misoginia, oltre che di cattivo gusto e scarsa originalità. Sul profilo Facebook ufficiale di Charlie Hebdo si legge: “Questa settimana Charlie vi predice che tutto è possibile per il quinquennato che comincia”.

Nei mesi scorsi avevano fatto molto discutere due vignette satiriche, pubblicate sempre dal settimanale, sull’Italia: la prima ad agosto scorso sul terremoto ad Amatrice dove i morti venivano paragonati alle lasagne (“Sisma all’italiana”), mentre la seconda sulla valanga di Rigopiano con il disegno della morte che scia sulla neve.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giro d’Italia in Sardegna, nel servizio del Tg1 mancano solo le donne baffute

next
Articolo Successivo

‘La festa della mamma di un’assassina’, un post che non avrei mai voluto leggere

next