Un attacco di un gruppo separatista di matrice islamica che ha causato almeno 60 feriti, di cui 21 in condizioni serie. Due bombe sono esplose in un centro commerciale nella provincia di Pattani, nel sud della Tailandia, zona non turistica e da anni al centro di scontri tra governo e gruppi armati. Un ordigno è esploso all’interno del negozio Big C che ha preso fuoco e ha provocato la fuga di decine di persone, mentre l’altro, posizionato all’interno di un pick-up, è saltato in aria nel parcheggio davanti al mall. Decine le auto distrutte e incendiate. Dal 2004 le province di Pattani, Yala e Narathiwat, tutte nel sud del Paese, sono state al centro di violenti attacchi da parte di gruppi separatisti. Finora hanno causato la morte di oltre 6800 persone, molte delle quali civili.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, “in Libia stupri e torture”. Corte penale dell’Aja: “Apriamo inchiesta”

next
Articolo Successivo

Venezuela, ancora scontri e proteste. Lacrimogeni per disperdere i manifestanti anti-Maduro

next