Ospite della redazione del Fatto.it per promuovere la fiction Maltese (in onda su Rai1), l’attore Kim Rossi Stuart ha parlato anche del suo rapporto con la bellezza, raccontando un aneddoto dei suoi esordi.  “Noi sabbiamo sempre l ‘obbligo di relazionarsi con l’involucro. È la follia e il bello del nostro mestiere. Il tema per me è sempre stato quello di deformarmi un po’. Perché sin da ragazzino ai provini mi dicevano che ero troppo bello. Frase che nella mia mente identificavo con ‘troppo brutto‘. Come se avessi una bellezza canonica ma troppo melensa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kim Rossi Stuart racconta le polemiche dopo Vallanzasca: “Volevano censurarlo, eppure oggi trionfano prodotti che sposano il male”

next
Articolo Successivo

Maradona ad Amici a sorpresa. Massimo riserbo della De Filippi che non voleva far pensare ad una ripicca contro Ballando

next