Sono sicuro che già dal titolo molti lettori si sono spaventati. E invece è più semplice di quanto si possa immaginare, il calcolo mentale può essere interpretato come un gioco ed è pure divertente. Naturalmente dipende dal livello in cui lo si pratica. È anche una disciplina delle Mind sports olympiad, una manifestazione che si tiene tutti gli anni a Londra e che propone competizioni di oltre 60 diversi giochi e discipline mentali. Voglio segnalare che la partecipazione è aperta a tutti e non ci sono selezioni da superare, che si gioca per il piacere di giocare, che si compete per le medaglie e non per denaro, che la quota di iscrizione è accessibile e che l’atmosfera è amichevole.

In forma sperimentale, il calcolo mentale comincia a fare capolino anche in Italia, grazie alla lungimiranza di Kangourou Italia, che ogni anno fa giocare con la Matematica 70.000 ragazzi, dalle elementari alle superiori. E quest’anno ha messo in cantiere anche una gara sperimentale proprio di calcolo mentale. Qui le selezioni ci sono e l’ultima si terrà la sera di domenica 7 maggio a Cervia. Le finali saranno il mattino successivo. Nel sito ci sono dei test di prova (non troppo difficili) per ciascuna delle tre categorie (medie, superiori, adulti) e se siete fortunati potete trovare ancora qualche posto disponibile. Non è possibile spiegare il calcolo mentale in un articolo, ma qualche trucchetto ve lo posso raccontare.

Matematica, tre trucchetti per capire il calcolo mentale (e vincere)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ho visto il Papa dal mio terrazzo

prev
Articolo Successivo

Legittima difesa, perché non possiamo far scrivere la legge alle vittime

next