Sono sicuro che già dal titolo molti lettori si sono spaventati. E invece è più semplice di quanto si possa immaginare, il calcolo mentale può essere interpretato come un gioco ed è pure divertente. Naturalmente dipende dal livello in cui lo si pratica. È anche una disciplina delle Mind sports olympiad, una manifestazione che si tiene tutti gli anni a Londra e che propone competizioni di oltre 60 diversi giochi e discipline mentali. Voglio segnalare che la partecipazione è aperta a tutti e non ci sono selezioni da superare, che si gioca per il piacere di giocare, che si compete per le medaglie e non per denaro, che la quota di iscrizione è accessibile e che l’atmosfera è amichevole.

In forma sperimentale, il calcolo mentale comincia a fare capolino anche in Italia, grazie alla lungimiranza di Kangourou Italia, che ogni anno fa giocare con la Matematica 70.000 ragazzi, dalle elementari alle superiori. E quest’anno ha messo in cantiere anche una gara sperimentale proprio di calcolo mentale. Qui le selezioni ci sono e l’ultima si terrà la sera di domenica 7 maggio a Cervia. Le finali saranno il mattino successivo. Nel sito ci sono dei test di prova (non troppo difficili) per ciascuna delle tre categorie (medie, superiori, adulti) e se siete fortunati potete trovare ancora qualche posto disponibile. Non è possibile spiegare il calcolo mentale in un articolo, ma qualche trucchetto ve lo posso raccontare.

Matematica, tre trucchetti per capire il calcolo mentale (e vincere)

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ho visto il Papa dal mio terrazzo

next
Articolo Successivo

Legittima difesa, perché non possiamo far scrivere la legge alle vittime

next