Un bel mazzo di tulipani, un abbonamento alla sua rivista preferita, o il solito prezioso soprammobile che occhieggia durante ogni pranzo della domenica? Per la Festa della Mamma 2017, il 14 maggio of course, ci hanno pensato gli amici di Pornhub ad offrire un utile e simpatico diversivo come regalo per l’incontrastata regina della famiglia. Eccoli gli occhiali speciali, che Elio e le Storie Tese definivano dell’ “ammore”. Con tre tonalità disponibili – l’azzurro, il giallo, e il rosa – il cadeaux di Pornhub è una sorta di larga e sottile busta che nell’aprirsi si anima modello pop-up e sfodera un paio di lenti tonde, che ricordano le antiche e primordiali visioni delle animazioni di cavallo e cavaliere di Muybridge, verso cui avvicinare gli occhi. “E’ il regalo perfetto per mostrare alla vostra mamma che la vedete come qualcosa di più della persona chi vi ha dato la vita, cioè come una donna con tutti i crismi e soprattutto con i suoi intimi desideri. Il vostro regalo trasformerà il suo giorno preferito dell’anno nella notte più bella della sua vita”, spiegano da Pornhub. Chiaro che gli occhialetti funzionano solo se poi davanti ad essi viene aggiunto uno smartphone con cui collegarsi al web e al sito porno gratuito più importante al mondo. La trovata modello separé, garantisce un curioso ed intimo isolamento che non potrà comunque passare inosservato da un invidioso papà che dovrà attendere il prossimo 19 marzo per avere anche lui un regalino simile. Straordinario infine il video che accompagna la vendita degli occhiali speciali Pornhub, con quell’ultima inquadratura nel cassetto di mamma, dove stazionano altri regalini personalizzati di raro pregio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sesso, l’orgasmo vaginale non esiste

prev
Articolo Successivo

James Deen, l’attore hard accusato di violenza lancia l’allarme sui bambini e il porno

next