Lo vedete così, camuffato, perché il suo debutto ufficiale è previsto dopo l’estate al salone di Francoforte. Ma questo è il nuovo sport utility compatto di Boemia, destinato a sostituire la Yeti: si chiama Karoq, è lungo 4,38 metri ed è costruito sulla piattaforma modulare MQB del gruppo Volkswagen. Come altri “colleghi” dei vari marchi nell’orbita del colosso di Wolfsburg. Per quanto riguarda il lato stilistico, anche la Karoq si inserirà nel solco del new deal estetico Skoda che punta su linee moderne e dinamiche. Sul versante motori saranno cinque le varianti a disposizione, due benzina e tre diesel con le potenze comprese tra 115 e 190 cavalli. Dentro, tanta tecnologia, tra cui uno schermo touch, connettività e servizi di assistenza online.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nissan Leaf, l’elettrica si dà al rally. Destinazione Mongolia – FOTO

next
Articolo Successivo

Stefano Accorsi diventa pilota. Stavolta per davvero – FOTO

next