Radio Rtl in tv, ore 12.30: Charlie Gnocchi anticipa l’intervista al senatore Antonio Razzi. Mi dico tra me e me: Crozza fa scuola, ecco che adesso proliferano imitazioni e parodie del senatore più “fenomeno” del Parlamento. Trasecolo. Ai microfoni la voce inconfondibile del vero Antonio Razzi (lo sento solo quando Crozza manda in onda gli imperdibili camei su Nove). Belin, ‘sto senatore continua a farsi prendere per i fondelli. È ritornato in Corea del Nord, per la seconda volta, in visita ufficiale, vi rendete conto? Ritorna e vorrebbe vendersi come ago della bilancia della crisi tra Usa e Corea del Nord.

 

In realtà, Trump e Kim Jong-un sembrano due bulli da bar che magari si spintonano, ma nessuno dei due ha il coraggio di aggredire l’altro perché in fondo non si vogliono sporcare di sangue la canotta. Il Senato non è stato ridotto, dunque Razzi ce lo teniamo e gli daremo pure il vitalizio.

E visto che siamo un paese democratico il passaporto non glielo possiamo togliere, ma almeno possiamo chiedergli  la prossima volta che va in Corea del Nord o dal dittatore siriano Assad di andarci a titolo personale, magari pagandosi di tasca sua anche il biglietto aereo. E non a spese dei contribuenti.

Kim sfida l’America e Razzi sfida il senso del ridicolo. E se per caso qualche canale internazionale manda in onda, chenneso, le immagini di Razzi in visita (ripeto, ufficiale) proprio mentre Kim minaccia di polverizzare con la madre di tutte le bombe gli Stati Uniti, che figura ci facciamo? Ahahah, ci riderebbero dietro: quegli italiani di buontemponi mandano Razzi come emissario di pace, ahahah. “Vado a fermare i razzi”, aveva tuonato convinto alla viglia della sua partenza.

L’unica cosa che il senatore sa dei razzi è l’attinenza con il suo cognome. Già contiamo come il due picche nella politica internazionale e Razzi, di certo, non è il nostro asso nella manica. Razzi continua a paragonare la Corea del Nord alla Svizzera per ordine e pulizia. Se io fossi un parlamentare cantonale lo citerei per salvaguardare l’immagine del mio paese. A chi gli fa notare che la censura della Corea del Nord ha oscurato internet: e va beh, cosa sarà mai, hanno i loro canali interni di comunicazione, questa più o meno la sintesi del Razzi pensiero.

Una domanda da ignorantona quale sono: qualcuno ricorda una proposta di legge che abbia avanzato il senatore?

In fondo, al Razzi, mina vagante per il mondo, preferisco Crozza!

@januariapiromal

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cari bambini, sono un extraterrestre. Non l’avevate capito?

next
Articolo Successivo

“Incastrato nella routine, ho mollato tutto per fare il giro del mondo. E il mio viaggio è una terapia”

next