“La storia ci insegna che i terroristi non conoscono le frontiere, noi siamo un Paese sicuro fino ad ora grazie al lavoro di intelligence, alla polizia e al governo. Il rischio zero non esiste. Il rischio è sempre presente ma chiudere le frontiere non ci renderebbe più sicuri“. A dirlo il ministro degli Esteri Angelino Alfano nel corso della conferenza stampa con la sua omologa argentina Susana Malcorra, commentando le posizioni della leader del Front National, Marine Le Pen, dopo l’ultimo attentato di Parigi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Parigi, i segni degli spari sulle vetrine degli Champs-Elysées

prev
Articolo Successivo

Parigi, la notte in “ostaggio” nei locali dietro gli Champs-Elysées. Tra paura e voglia di Marine Le Pen

next