“La storia ci insegna che i terroristi non conoscono le frontiere, noi siamo un Paese sicuro fino ad ora grazie al lavoro di intelligence, alla polizia e al governo. Il rischio zero non esiste. Il rischio è sempre presente ma chiudere le frontiere non ci renderebbe più sicuri“. A dirlo il ministro degli Esteri Angelino Alfano nel corso della conferenza stampa con la sua omologa argentina Susana Malcorra, commentando le posizioni della leader del Front National, Marine Le Pen, dopo l’ultimo attentato di Parigi.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parigi, i segni degli spari sulle vetrine degli Champs-Elysées

next
Articolo Successivo

Parigi, la notte in “ostaggio” nei locali dietro gli Champs-Elysées. Tra paura e voglia di Marine Le Pen

next