Il ministro degli Interni Marco Minniti ha fatto visita alla moglie e al padre di Davide Fabbri, il barista ucciso il primo aprile in un tentativo di rapina a Riccadina di Budrio, in provincia di Bologna. Per l’omicidio è sospettato il super ricercato Norbert Feher (alias Igor il Russo), accusato anche di un altro omicidio avvenuto a Portomaggiore. Alla fine della visita nella casa che sta dietro il bar, luogo del delitto, Minniti è stato contestato da alcuni amici di Fabbri che si sono messi davanti alla macchina del ministro che usciva. Con loro avevano uno striscione con scritto ‘Davide è un eroe’. Poi hanno gridato contro Minniti: “Vergogna, sono passati venti giorni e ancora non l’avete preso, che cosa venite a fare a Budrio?”. “Lo dovevano cacciare via, aveva un mandato d’espulsione”, ha detto Pietro Olivieri, uno dei contestatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No-Tap, dopo il verdetto del Tar torna la mobilitazione degli attivisti: “Opera imposta a beneficio di pochi”

next
Articolo Successivo

25 aprile, niente manifestazione al cimitero maggiore per CasaPound. Prefetto vieta raduno neofascisti

next