Il video proposto è stato realizzato dal neonato team investigativo dell’associazione Free John Doe. Il gruppo, formato da persone che si occupano di indagini grazie all’utilizzo di attrezzatura tecnica specifica, per cinque mesi ha investigato un macello in provincia di Frosinone posizionando delle telecamere nascoste che hanno ripreso, per la prima volta in Italia, scene di violenza su bufalini, vitelli e mucche, filmando le azioni degli operatori a loro insaputa (alcune scene sono già stata mandate in onda martedì 18 aprile su Rai2, durante l’ultima puntata di Animali come noi, il programma condotto da Giulia Innocenzi).   

Il giornalista, scrittore ed attore teatrale Andrea Scanzi ha fatto da testimonial alle immagini che mostrano quanto avviene nel mattatoio, commentandole. “Il video mostra immagini indubbiamente molto forti – spiegano gli autori delle immagini -, ma è necessario che vengano divulgate per far conoscere a più persone possibile la realtà di violenza che si cela all’interno di ogni mattatoio, a prescindere dal rispetto delle norme vigenti in tema di macellazione”.

A seguito del lavoro investigativo di Free John Doe e dietro denuncia formale della LAV è stato richiesto l’intervento dei carabinieri NAS per indagare più a fondo sulle attività della struttura.

Le immagini raccolte mostrano gli operatori che infieriscono sugli animali con calci, pugni e bastonate, in alcuni casi si vedono gli operatori che utilizzano ripetutamente il pungolo elettrico sugli animali e in alcuni casi anche sui cuccioli (severamente vietato). Vitelli e bufalini vengono lanciati dai camion durante lo scarico, per essere poi macellati insieme, ammassati l’uno sull’altro e appesi insieme prima di essere sgozzati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gessica Notaro, la ragazza sfregiata con l’acido dall’ex va in tv: “Dopo denuncia non fu arrestato”. Orlando la convoca

prev
Articolo Successivo

Milano, Radicali distribuiscono semi di Cannabis davanti alla stazione Centrale. Cappato identificato dalla Polizia

next