Al Romics in omaggio a Yoshiyuki Tomino, ospite della fiera, è stata organizzata una mostra-concorso dedicata all’universo Gundam in collaborazione con  Buyers Club, gruppo formato dalle principali associazioni di modellisti appassionati di Gundam.

La saga, iniziata nel 1979 con Mobile Suit Gundam, è considerata la capostipite del genere anime “real robot“, ossia anime dove i robot ( o mecha) presentati ed il loro funzionamento è verosimile seguedo le leggi della fisica ed immaginando il progresso tecnologico futuro, che si è andato a contrapporre ai super robot, con funzionamenti non plausibili, in voga fino a quel momento (come ad esempio Mazinga Z )

Nella gallery in alto potete trovare una selezione dei modellini esposti, ma se vi trovaste a Roma avete fino a stasera per fare un salto e vederli dal vivo presso l’apposita area “Romics Robotown” del padiglione 5.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, “Ovunque Proteggi” in corsa per i Nastri d’Argento

next
Articolo Successivo

Alessia Fabiani, selfie nuda con i figli (anche loro nudi). I fan si dividono: “Ai bambini bisogna insegnare un po’ di pudore”, “foto stupenda”

next