Lui che diventa lei, lei che diventa lui. Pierfrancesco Favino e Kasia Smutniak sono i protagonisti di Moglie e marito di Simone Godano in sala dal 12 aprile con Warner Bros. Un’opera prima costruita su un imprevisto tecnologico e successivo scambio di ruoli. Andrea (Favino) e Sofia (Smutniak) sono una coppia in crisi con alle spalle dieci anni di matrimonio (prima sequenza li troviamo in una terapia di coppia che ricorda In Treatment).

“Ho lavorato tanto insieme alla Smutniak, l’ho tanto spiata, per poi poterla imitare – dice invece Favino -. Con questo film siamo nel pieno dei cliché della commedia degli equivoci. Ricalchiamo temi classici già raccontati tante volte da Plauto, Goldoni e Shakespeare. C’è ovviamente anche la teoria del doppio che è vecchia quanto il mondo”. E ancora dall’attore: “Se esistesse la possibilità di mettersi nei panni della tua compagna, e viceversa, lo farei sicuramente. Probabilmente la rispetterei più di quanto faccio ora. Comunque credo sia una cosa che farebbe del bene a tutti”. “Ha richiesto uno sforzo fisico e mentale. La cosa più difficile per me – dice Smutniak – è stato trovare il giusto equilibrio nell’interpretare un uomo, non ero mai sicura della giusta misura da tenere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Libere disobbedienti innamorate, ritratto pop di tre donne a Tel Aviv e un paese protesta: “Offende l’Islam”

prev
Articolo Successivo

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana dell’8 e 9 aprile

next