Sivi Makhmoudi, attrice e cantante pop kazaka, sfoga la sua rabbia su una Mercedes con una mazza da golf. Al’interno dell’auto, seduto sul sedie del guidatore, si trova Renat Basit, il produttore del film ‘Blind Love’. Ed è proprio a causa di una scena di questo film che è nata la furiosa lite. L’uomo, infatti, aveva assicurato all’attrice che nella versione finale della pellicola non sarebbe stata inclusa la scena di sesso che la vedeva protagonista. Ma così non è stato. E il caso ha voluto che i due si incontrassero lungo una strada traffica di Almaty, dove Makhmoud ha avuto la sua vendetta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tap, lo sponsor politico del gasdotto è Doris Leuthard: dal cda di Egl a presidente della Svizzera. Passando per Baku

next
Articolo Successivo

Milano, sciopero dei mezzi Atm. I commenti sui social: “Come si fa a permetterlo durante il Salone del Mobile”

next