Sivi Makhmoudi, attrice e cantante pop kazaka, sfoga la sua rabbia su una Mercedes con una mazza da golf. Al’interno dell’auto, seduto sul sedie del guidatore, si trova Renat Basit, il produttore del film ‘Blind Love’. Ed è proprio a causa di una scena di questo film che è nata la furiosa lite. L’uomo, infatti, aveva assicurato all’attrice che nella versione finale della pellicola non sarebbe stata inclusa la scena di sesso che la vedeva protagonista. Ma così non è stato. E il caso ha voluto che i due si incontrassero lungo una strada traffica di Almaty, dove Makhmoud ha avuto la sua vendetta.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tap, lo sponsor politico del gasdotto è Doris Leuthard: dal cda di Egl a presidente della Svizzera. Passando per Baku

prev
Articolo Successivo

Milano, sciopero dei mezzi Atm. I commenti sui social: “Come si fa a permetterlo durante il Salone del Mobile”

next