Nove milioni di euro di valore complessivo che comprendono 27 immobili tra cui ville, appartamenti di pregio e terreni tra Roma, San Giorgio di Pesaro, Montepulciano e Sappada, nel Bellunese, due auto e una moto, rapporti bancari e titoli obbligazionari, quote societarie e disponibilità finanziarie per oltre 3 milioni di euro detenute in Lussemburgo per il tramite di una società fiduciaria.

Sono questi i beni confiscati dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma ad Angelo Balducci, ex provveditore alle opere pubbliche e già presidente del Consiglio Superiore dei lavori pubblici, condannato definitivamente per concorso in corruzione aggravata relativo agli appalti del G8. Il provvedimento è scattato in seguito al processo conclusosi con la pronuncia della Corte di Cassazione del 24 febbraio 2017 e scaturito dalle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma svolte dagli specialisti del Gruppo Investigativo Criminalità Economico-Finanziaria (G.I.C.E.F.) del Nucleo di Polizia Tributaria della capitale.

I fatti riguardano l’inchiesta “Grandi Eventi” sui lavori per il Vertice del G8 de La Maddalena (poi tenutosi a L’Aquila), i Mondiali di nuoto di Roma del 2009 e le celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, da cui sono emersi i rapporti di affari illeciti tra Balducci e note imprese edili romane vincitrici di gare pubbliche per oltre 300 milioni di euro. Nello specifico, è emerso che, in cambio dell’assegnazione delle commesse pubbliche, le imprese appaltatrici avevano veicolato ingenti flussi finanziari, anche attraverso società interposte, verso una società cinematografica – direttamente riconducibile a Balducci – che si occupava della produzione di film il cui attore principale era il figlio di Angelo, Lorenzo.

Le imprese inoltre, secondo quanto scoperto dai Finanzieri, avevano finanziato l’acquisto o la ristrutturazione di diversi immobili di pregio a favore della famiglia Balducci. Al termine delle indagini, il Tribunale di Roma ha ritenuto l’ex Presidente del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici soggetto ”socialmente pericoloso” e ha disposto il sequestro finalizzato alla successiva confisca di beni mobili, immobili, quote societarie e disponibilità finanziarie detenute anche all’estero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Manutencoop, la procura di Napoli chiede misura interdittiva: “Sia estromessa da tutti gli appalti pubblici”

next
Articolo Successivo

Ruby ter, la presidenza del Consiglio chiede di costituirsi parte civile contro Silvio Berlusconi

next