“L’idea che in Senato ci sia Minzolini è un incentivo a fare la riforma del Senato”. Era il 17 maggio 2014, piena campagna elettorale per le imminenti elezioni europee. Matteo Renzi parla di Rai, dei costi della televisione pubblica. Tira in ballo l’ex direttore del Tg1: “Dire Minzolini e servizio pubblico nella stessa frase nuoce gravemente alla salute”. Poi, rammentando che ormai Augusto Minzolini era entrato a palazzo Madama, il ragionamento sulla riforma del Senato. Che nelle intenzioni di Renzi avrebbe dovuto rottamare quella classe di parlamentari. Niente più senatori, insomma. E niente più Minzolini in Senato. Poi, nonostante la condanna definitiva di Minzolini, le cose sono andate diversamente  video di David Marceddu e Giulia Zaccariello

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le assurdità di Renzi smontano la logica hegeliana

next
Articolo Successivo

Genova e la ‘democrazia interna’. Il M5s spiegato a Rosario Dawson

next