“L’idea che in Senato ci sia Minzolini è un incentivo a fare la riforma del Senato”. Era il 17 maggio 2014, piena campagna elettorale per le imminenti elezioni europee. Matteo Renzi parla di Rai, dei costi della televisione pubblica. Tira in ballo l’ex direttore del Tg1: “Dire Minzolini e servizio pubblico nella stessa frase nuoce gravemente alla salute”. Poi, rammentando che ormai Augusto Minzolini era entrato a palazzo Madama, il ragionamento sulla riforma del Senato. Che nelle intenzioni di Renzi avrebbe dovuto rottamare quella classe di parlamentari. Niente più senatori, insomma. E niente più Minzolini in Senato. Poi, nonostante la condanna definitiva di Minzolini, le cose sono andate diversamente  video di David Marceddu e Giulia Zaccariello

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le assurdità di Renzi smontano la logica hegeliana

next
Articolo Successivo

Genova e la ‘democrazia interna’. Il M5s spiegato a Rosario Dawson

next