«È stato un fulmine a ciel sereno, non mi sono stati comunicati i motivi e francamente proprio non me lo aspettavo dopo aver vinto le comunarie». Stenta a realizzare quanto avvenuto questa mattina, Marika Cassimatis, la candidata sindaco votata dalla base M5s di Genova e sconfessata dal blog di Beppe Grillo. «Mi è stato segnalato, con tanto di documentazione, che molti, non tutti, dei 28 componenti di questa lista, incluso la candidata sindaco, hanno tenuto comportamenti contrari ai principi del M5S prima, durante e dopo le selezioni online del 14 marzo 2017», si legge nel post di Grillo. Nessuna informazione in più su chi ha presentato la documentazione e cosa ci sia scritto. Silenzio anche da parte dei vertici del Movimento 5 Stelle, che avevano espressamente sostenuto la candidatura di Luca Pirondini, considerato più “fedele alla linea” e sostenuto dalla portavoce pentastellata in Regione Alice Salvatore, che rifiuta qualunque commento. Marika Cassimatis non sarà quindi in corsa per il M5s. “La decisione è irrevocabile. Se qualcuno non capirà questa scelta, vi chiedo di fidarvi di me”, scrive Grillo. Gli attivisti che hanno appoggiato e votato Marika Cassimatis rischiano ora – insieme a lei – di essere messi fuori dal Movimento, lacerandolo ulteriormente dopo l’abbandono di quattro consiglieri comunali su cinque che hanno dato vita a Effetto Genova, iniziativa nata sulla falsa riga dell’esperienza di Parma, e la fuoriuscita di un consigliere regionale finito nel mirino dei vertici M5s per aver rilasciato un’intervista non autorizzata in cui sosteneva le ragioni di chi aveva lasciato il Movimento

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Minzoparade, voucher, nomine e le altre news di giornata. Segui la diretta con Peter Gomez

prev
Articolo Successivo

Firme false Palermo, archiviata indagine sul candidato sindaco M5s Forello

next