Durante la manifestazione organizzata a Milano dal movimento Non una di meno in occasione dell’8 marzo, alcune manifestanti, con un sacchetto bianco sulla testa, si sono alzate la gonna tutte assieme davanti al Pirellone.  “Ana Suromai è il gesto di alzarsi le gonne e mostrare la vulva – hanno spiegato le attiviste pubblicando il video su Facebook –  Questo gesto ha origine nei culti arcaici della dea e ricorre come elemento di conflitto in un numero significativo di lotte contro il potere patriarcale e sessuofobico in ogni parte del mondo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Tumore al seno, ecco il libro ironico Fuori di tetta: “Si deve ridere con il cancro”

next
Articolo Successivo

Gay, tribunale di Firenze riconosce adozione a coppia dello stesso sesso. E’ la prima volta in Italia

next