Nel corso della manifestazione dell’8 marzo a Milano, organizzata  dal movimento Non una di meno,  i collettivi studenteschi hanno affisso diversi volantini sulle vetrine di Zara, in via Torino. La famosa catena di abbigliamento è stata presa di mira con slogan e manifestanti. “È un negozio che diffonde un modello di donna irrealistico, un’immagine della donna magrissima e modificata al computer”. Quando i manifestanti hanno acceso fumogeni davanti all’ingresso del megastore, la security del negozio ha deciso di abbassare le saracinesche.

 

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Oppido Mamertina, schiaffi ai piccoli alunni. Due maestre interdette dall’insegnamento

next
Articolo Successivo

Milano, ladro fugge contromano in tangenziale e si schianta contro polizia e carabinieri (video)

next