Nel corso della manifestazione dell’8 marzo a Milano, organizzata  dal movimento Non una di meno,  i collettivi studenteschi hanno affisso diversi volantini sulle vetrine di Zara, in via Torino. La famosa catena di abbigliamento è stata presa di mira con slogan e manifestanti. “È un negozio che diffonde un modello di donna irrealistico, un’immagine della donna magrissima e modificata al computer”. Quando i manifestanti hanno acceso fumogeni davanti all’ingresso del megastore, la security del negozio ha deciso di abbassare le saracinesche.

 

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Oppido Mamertina, schiaffi ai piccoli alunni. Due maestre interdette dall’insegnamento

next
Articolo Successivo

Milano, ladro fugge contromano in tangenziale e si schianta contro polizia e carabinieri (video)

next