Il Senato ha approvato il disegno di legge per tutelare i minori migranti non accompagnati che arrivano in Italia. A darne notizia su Facebook è stato lo stesso presidente di Palazzo Madama Pietro Grasso: “Una buona notizia, il ddl serve a garantire e proteggere i bambini e i ragazzi che arrivano da soli nel nostro Paese. Sono molto soddisfatto perché questo provvedimento, fortemente voluto da chi ogni giorno si impegna per difendere i minori e tutelarne i diritti, è stato licenziato con una larga maggioranza. Ora il testo torna alla Camera dei deputati dove spero possa essere approvato al più presto”.

Secondo il presidente dei senatori del Pd Luigi Zanda si tratta di “un altro rilevante passo del progetto che fa di questa la legislatura più importante e proficua in materia di normative sulle politiche sociali e sui diritti civili”. E poi continua: “Dal punto di vista dei contenuti, il ddl sui minori stranieri non accompagnati non è cambiato. Il testo dovrà affrontare un’altra lettura alla Camera a causa di una piccola modifica tecnica chiesta dal ministero dell’Economia”. “Manca quindi un ultimo passaggio formale alla Camera. Il capogruppo del Pd Ettore Rosato mi ha assicurato che chiederà di svolgerlo il prima possibile, per avere la definitiva approvazione della legge entro la fine di questo mese”.

La notizia è stata accolta con soddisfazione anche dagli addetti ai lavori. Il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, ha dichiarato che il testo “offre una tutela maggiore a chi arriva in Italia in condizioni di estremo disagio”. E ha rilanciato: “Ci auguriamo che a questo nuovo, importante, passo avanti nei diritti segua una rapida approvazione della riforma della cittadinanza bloccata ormai da troppo tempo al Senato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dj Fabo, Cappato: “Mi assumo responsabilità, aiuterò altre due persone”. Ma la discussione sul testamento biologico slitta ancora

next
Articolo Successivo

Maternità surrogata: cosa dice (veramente) la Corte d’Appello di Trento

next