Niente record per ‘La La Land’, che ha incassato comunque ben sei Oscar compresi quello per la miglior regia e quello per l’attrice protagonista andato ad Emma Stone, e brivido finale sull’Oscar più importante, quello al miglior film, con un annuncio sbagliato: Warren Beatty e Faye Dunaway, chiamati a leggere il proverbiale ‘the winner is…’, esitano un po’ e poi dichiarano vincitore ‘La La Land’. E mentre già il produttore del musical Jordan Horowitz parlava ringraziando sul palco del Dolby Theatre, è stato scoperto l’errore (probabilmente i due avevano ricevuto una busta sbagliata). Il tempo di fare delle scuse rapide e imbarazzate ed è arrivata la rettifica: il vero vincitore è ‘Moonlight‘, il film ‘black’ di Berry Jenkins, che nello spiazzamento generale raggiunge il palco e dedica la vittoria alle ragazze e ai ragazzi di colore.
Poteva essere questo il momento più ‘politicò degli Oscar 2017, in un’edizione forse da troppo tempo annunciata come quella del trionfo di ‘La La Land’, candidato a 14 statuette e delle proteste anti Trump, che invece passerà alla storia per l’inedita e clamorosa svista sul finale
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francia, Le Pen contestata: molotov e sassate. Lei fa come Trump: ‘Gente non si fida di media. Ripristino confini nazionali’

prev
Articolo Successivo

Oscar 2017, dedicato agli immigrati quello italiano per il miglior trucco. Bertolazzi: “Lo sono anch’io”

next