Vasco Errani ha lasciato il Partito democratico con un lungo discorso davanti ai compagni commossi della sezione dei Ravenna (video) dove tanti anni fa si era iscritto. In tanti sembrano volerlo seguire, ma altrettanti gli hanno chiesto di restare. Tra loro Alberto, un medico e compagno di Errani dai tempi della Fgci, la Federazione giovanile comunista: “Io e Vasco prendevamo gli sputi negli anni 70 da quelli dell’Autonomia operaia perché eravamo fieri di essere nel Pci”. Alberto, proprio mentre Errani stava per iniziare il suo attesissimo discorso d’addio, lo ha interrotto: “Prima voglio chiederti io una cosa pubblicamente”. Ma l’infiammato discorso (in perfetto stile ‘romagnolo’) di Alberto, e il suo appello – “Rimani in questo partito e io ti voto come segretario” – non ha fatto cambiare idea all’ex presidente della Regione

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Democratici e progressisti, Carbone (Pd): “Quel nome è nostro, ci hanno copiato”. Da Lipari: “Anche ‘Art.1’ esiste già”

next
Articolo Successivo

Pd, Renzi prigioniero dei cancelletti (#) dell’arroganza

next