Per la prima volta in Italia dirigenti dello Ior vengono condannati per violazione delle norme antiriciclaggio. Accade a Roma dove a Paolo Cipriani, ex direttore generale, ed al suo vice, Massimo Tulli sono stati inflitti quattro mesi e dieci giorni di reclusione. La vicenda processuale è quella scaturita dal sequestro di 23 milioni di euro nel 2010 ritenuti dalla procura legati a due operazioni sospette: la richiesta al Credito Artigiano di trasferimento di 20 milioni alla tedesca J.P. Morgan Frankfurt e di 3 milioni alla Banca del Fucino.

Operazioni, per l’accusa, sollecitate senza fornire i dovuti chiarimenti agli istituti interpellati dalla banca della Santa Sede. Ma per quei due episodi, i più importanti esaminati dagli inquirenti di piazzale Clodio, Cipriani e Tulli sono stati assolti perché il fatto non sussiste. I 23 milioni furono successivamente dissequestrati. La condanna ai due ex dirigenti è stata invece inflitta per altre tre operazioni di trasferimento di minore importo (48 mila, 100 mila e 120 mila euro) avviate con la J.P.Morgan senza le dovute comunicazioni.

Il pm Stefano Rocco Fava, rappresentante dell’accusa, aveva chiesto la condanna di Cipriani ad un anno di reclusione e di Tulli a dieci mesi, mentre i difensori dei due imputati avevano sollecitato l’assoluzione per i loro assistiti. Il caso è stato al centro di varie questioni legate ad aspetti giurisdizionali e di configurazione dello Ior all’interno del sistema bancario. In una nota, il collegio difensivo costituito dagli avvocati Franco Coppi, Luigi Chiappero, Massimo Ferrandino e Stefania Nubile hanno sottolineato come “la condanna a 4 mesi e 10 giorni di arresto si riferisca a operazioni di importanza minima rispetto a quella principale per cui sono stati mandati a processo e ora dichiarati non colpevoli”. “Comunque faremo appello – hanno aggiunto – anche in relazione alle ipotesi modeste per cui non vi e stata assoluzione”.
Allo stesso tempo i legali hanno espresso soddisfazione per l’assoluzione dei loro clienti “dell’accusa più grave, che ha costituito l’impianto del processo, cioè la movimentazione di 23 milioni di euro che per i giudici è stata effettuata nel pieno rispetto delle regole”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mediaset-Vivendi, le tappe dall’accordo di aprile fino all’inchiesta per aggiotaggio

next
Articolo Successivo

Alitalia, sindacati: “Accordo raggiunto, resta valido il contratto”. Calenda: “Importante passo avanti”

next