Terzo appello di Dj Fabo, l’uomo tetraplegico e cieco, che da tempo, con l’aiuto dell’Associazione Luca Coscioni, sta chiedendo alle istituzioni il diritto a morire liberamente, senza soffrire. L’avvio dei lavori alla Camera per la legge sul biotestamento è slittato per la terza volta, e rimandato a marzo. “È veramente una vergogna – dice Dj Fabo nel video – che nessuno dei parlamentari abbia il coraggio di mettere la faccia su una legge che è dedicata alle persone che soffrono, che non possono morire a casa propria.  E che devono andare in altri paesi, per una legge che potrebbe essere fatta anche in Italia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Visoni morti e feriti negli allevamenti, ancora maltrattamenti e camere a gas

next
Articolo Successivo

Testamento biologico, terzo rinvio: slitta a marzo l’esame del ddl alla Camera

next