Una pubblicazione col trucco. O, come si è giustificato il sindaco di Milano Giuseppe Sala, con un “mero errore”. Perché la dichiarazione pubblicata in mattinata dalla sua assessora alla Trasformazione digitale Roberta Cocco, dirigente in aspettativa di Microsoft, era sbagliata. Alla voce “azioni e quote di partecipazioni e società” per Microsoft Corp è stata indicata una quota di possesso dello 0,0000076%. In base a questo dato ilfattoquotidiano.it aveva calcolato un valore di mercato pari a quasi 38mila dollari tenendo conto della capitalizzazione in borsa di Microsoft. Ma l’assessora aveva messo dopo la virgola due zeri di troppo. Il valore delle azioni possedute è pertanto di quasi 3,8 milioni di dollari. Una somma che rende molto più inquietante il conflitto di interessi di colei che si trova a gestire appalti ai quali è interessata la stessa Microsoft. Intanto il documento è scomparso dal sito del Comune, in attesa di pubblicazione di una prima versione corretta, sostituita successivamente ancora una volta dalla versione definitiva, in cui sono variate anche le quote relative alle azioni di Enel (0,000005%), Telecom Italia (0,000019%), Expedia (0,000018%) e Tripadvisor (0,000020%). Per un valore, rispettivamente, di circa 2mila euro, 3mila euro, 3mila dollari e 1000 dollari.

C’è un altro aspetto da notare. Dopo settimane di rifiuti da parte di Cocco di adeguarsi alla legge che impone la pubblicazione dei dati di reddito e delle informazioni patrimoniali degli amministratori pubblici, l’assessora si è decisa per un pubblicazione che oltre a essere errata non ha brillato per trasparenza. Degli assessori che possiedono azioni di società quotate, Cocco è infatti l’unica ad avere riportato la percentuale posseduta del capitale anziché il ben più comprensibile dato sul numero di azioni, che consente di calcolare più agevolmente il valore in portafoglio. Le colleghe di giunta Carmela Rozza e Anna Scavuzzo, anche loro con azioni in società quotate, hanno infatti fornito il numero delle azioni, mentre l’assessore al Bilancio Roberto Tasca ha pubblicato sia il numero di azioni detenute che la corrispondente percentuale di capitale.

Ecco la prima versione della situazione patrimoniale, quella pubblicata venerdì mattina:

 

E quella definitiva messa sul sito nel pomeriggio:

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Populisti e bugie, pasti gratis per tutti!

next
Articolo Successivo

Sinistra Italiana nasce scissa, Fratoianni verso l’incoronazione da leader: “Con Renzi porte chiuse”

next