Anna Tabarin e Santo Tavana sono gli infermieri che hanno assistito a casa Dino Bettamin, 70 anni, macellaio di Montebelluna da cinque malato di Sla che aveva espresso questa volontà ed è stato assecondato con la sedazione palliativa. L’uomo è morto lunedì dopo aver rifiutato qualsiasi trattamento, compresa la nutrizione artificiale. I due infermieri raccontano gli ultimi istanti di Dino Bettamin, precisando che non si è trattato di eutanasia ma che il malato ha semplicemente chiesto ed ottenuto di essere addormentato fino al momento della sua fine, annullando così ogni sofferenza fisica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Transgender, Luxuria contro Grillo: “E’ un omofobo. Non fa satira ma battute vecchie e becere”

next
Articolo Successivo

“Trans al tribunale di Prato, nessun abuso. Doveroso chiedere come si mantenesse”

next