“Sono donne col belino o uomini che parlano tanto”. E’ una delle battute del nuovo show di Beppe Grillo, dal 10 febbraio su Netflix. E ancora: “A fare una battuta su uno di loro ti prendi dieci querele, si incazzano”. E infatti il web non ha tardato ad incazzarsi. “Volgarità transfobiche”, commenta il sito gay.it, che rilancia l’estratto video già il 12 febbraio. Ma non è solo la comunità Lgbtqi a stigmatizzare le battute del fondatore del M5s. “Beppe squallore Grillo”, lo apostrofa chi rilancia il video su Facebook, mentre le visualizzazioni si moltiplicano a migliaia. E se c’è chi punta il dito contro “banalità che Alvaro Vitali troverebbe volgari”, altri portano la questione sul piano politico. “E questo signore dovrebbe vincere le prossime elezioni?”, si domanda un altro utente di Facebook. Ma non è solo ciò che dice Grillo dal palco del suo nuovo spettacolo a indignare chi commenta e condivide le immagini. Il pubblico che ride e applaude finisce sul banco degli imputati insieme al comico: “Più squallidi ancora”. E tra uno “squallido” e un “abominevole”, c’è chi riflette: “Dato che lui è un uomo che parla tanto, ma proprio tanto, è come se stesse dichiarando di essere una transgender”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pisapia lancia ‘Campo progressista’ per unire: “No a scissioni nella sinistra”

next
Articolo Successivo

Berdini-Raggi, il feeling mai nato affossato dalle uscite a mezzo stampa e dal cemento dello stadio

next