“Virginia Raggi? Da quando è stata eletta le sono state attribuite 4 relazioni sentimentali: con me, con Frongia, con Marra e con Romeo. Vi sembra normale?”. Così a Otto e Mezzo (La7) il deputato del M5S, Alessandro Di Battista, si esprime sulle pressioni mediatiche nei confronti della sindaca di Roma. E aggiunge, rifilando una stoccata alla presidente della Camera, Laura Boldrini: “Questo è un modo sessista di attaccare una donna, dandole anche della cretina, della deficiente e della donna facile. Ed è questo il sessismo che c’è in Italia, non la battaglia che si fa sulle parole ‘ministro’ o ‘ministra’, ‘presidente’ o ‘presidenta’. Virginia sta dimostrando una capacità di resistenza che non so quanti uomini avrebbero in quelle condizioni di enorme pressione non solo mediatica, ma anche lavorativa in un Comune dove un dirigente su 4 è indagato e ci sono 14 miliardi di euro di debiti”. Poi si rivolge al direttore del Corriere della Sera, Luciano Fontana: “Io la rispetto, ma non mi sta bene che all’interno di Rcs, a parte Cairo che è un editore puro, c’è Mediobanca. E il Corriere della Sera è indebitato con Unicredit, che è socio di Mediobanca. Sono cocktail tra interessi del capitalismo finanziario e multinazionali cinesi. Questi sono gli attentati alla libertà di informazione, non Luigi Di Maio che parla di giornalisti che hanno sbagliato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5s, Di Battista: “Critiche a Giornalisti? Atti d’amore. Ok attenzione ma esistono anche gli altri”

prev
Articolo Successivo

M5s, Di Battista vs Gruber: “Lista nera giornalisti e punizioni? Ma per chi ci ha preso? Per gente del Medioevo?”

next