L’aeroporto Jfk di New York, la principale porta d’ingresso per i passeggeri internazionali, è diventato il simbolo del caos ma anche della protesta scatenata dall’ordine esecutivo con cui Donald Trump ha sospeso temporaneamente l’arrivo di tutti i rifugiati e delle persone provenienti da sette Paesi islamici. Diverse centinaia di persone hanno manifestato per ore contro il provvedimento e per la liberazione dei passeggeri detenuti in base al nuovo bando. ”Lasciateli entrare, lasciateli entrare”. La protesta si è poi estesa ad altri scali aeroportuali in tutti gli Stati Uniti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Quest’uomo ha appena assistito ad una scena incredibile. Ma cosa lo ha spaventato?

next
Articolo Successivo

Usa, la storia (a lieto fine) di Mozhgan: “Mio padre di 80 anni in arrivo dall’Iran bloccato per ore”

next