L’aeroporto Jfk di New York, la principale porta d’ingresso per i passeggeri internazionali, è diventato il simbolo del caos ma anche della protesta scatenata dall’ordine esecutivo con cui Donald Trump ha sospeso temporaneamente l’arrivo di tutti i rifugiati e delle persone provenienti da sette Paesi islamici. Diverse centinaia di persone hanno manifestato per ore contro il provvedimento e per la liberazione dei passeggeri detenuti in base al nuovo bando. ”Lasciateli entrare, lasciateli entrare”. La protesta si è poi estesa ad altri scali aeroportuali in tutti gli Stati Uniti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Quest’uomo ha appena assistito ad una scena incredibile. Ma cosa lo ha spaventato?

next
Articolo Successivo

Usa, la storia (a lieto fine) di Mozhgan: “Mio padre di 80 anni in arrivo dall’Iran bloccato per ore”

next