“Ho visto che il presidente del Pd ha detto che entro dieci giorni va fatta la legge elettorale o si vota subito ma noi siamo stati una grande forza responsabile. Mi chiedo, al voto con quale progetto politico e visione del Paese? E’ sconcertante, io sono sconcertato” . Così, su Matteo Orfini, Massimo D’Alema all’assemblea per un nuovo centrosinistra al centro congresso Frentani dove sono presenti esponenti del Pd e di Sinistra italiana. D’Alema ricorre al suo proverbiale humor per attaccare Orfini e i renziani, scatenando risate e applausi in platea.”Bisogna metter mano con serietà alla legge elettorale. Partendo dalla nostra proposta e forse bisognerà trovare un compromesso per trovare un ragionevole equilibrio fra rappresentanza e governabilità e non precipitare il Paese nella ingovernabilità oppure in un inciucione i cui confini sono difficilmente immaginabili. A conti fatti si rischierebbe un governo M5S-Lega

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, D’Alema contro Renzi: “Serve cambio leadership. Voto subito? Errore che renderebbe ciascuno libero”

next
Articolo Successivo

Qualcuno (oltre a monsignor Galantino) dica a Matteo Renzi che l’uomo forte non è lui

next