L’Ingv (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) ha realizzato la ricostruzione 3D che descrive la propagazione delle onde sismiche generate dal terremoto più forte avvenuto il 18 gennaio nell’Aquilano, quello di magnitudo 5.5 delle ore 11.14. Nell’animazione, nella quale ogni secondo rappresenta un secondo in tempo reale, le onde di colore blu indicano che il suolo si sta muovendo velocemente verso il basso, quelle di colore rosso indicano che il suolo si sta muovendo verso l’alto. L’intensità del colore è maggiore per spostamenti verticali più veloci

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Slavina su hotel, prima vittima estratta dal Rigopiano

next
Articolo Successivo

Slavina su hotel, soccorsi in coda verso il Rigopiano tra due muri di neve

next