I voucher dello Spi-Cgil? “E’ assolutamente evidente che era meglio non usarli”. Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, è tornata sul caso dei buoni lavoro utilizzati dal sindacato per retribuire alcuni pensionati volontari dell’Emilia Romagna. La leader della Cgil ha parlato con i cronisti a margine dell’Assemblea della Cgil Emilia Romagna. “Credo – ha detto –  che debba essere altrettanto evidente che del tema si discute non nella regolazione di alcune prestazioni di pensionati, ma perché si sta sostituendo del lavoro strutturato con un lavoro che diventa lavoro nero, non strutturato, del tutto saltuario”. E ancora sulla polemica dei voucher nel suo sindacato: “Quanta ipocrisia c’è nel far finta che le leggi di un paese non ci sono? Non c’è nessuno che può fare a meno di applicare le leggi. Ma questo non vuol dire che non le si vuol cambiare o abrogare”. Il segretario è intervenuta anche sulla questione delle modifiche ai voucher studiate dal ministero del Lavoro. “Correttivi mi pare una parola inadeguata. Ci suona molto come un maquillage, come un facciamo finta di correggere per non correggere nulla”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fallimento Trenkwalder, i lavoratori interinali aspettano ancora gli stipendi. “Li paghino le grandi aziende clienti”

next
Articolo Successivo

La storia di Marta ed Eugenio, artigiani per vocazione: “Impagliamo sedie. Chi ha un talento manuale deve esprimerlo”

next