È una Barbara D’Urso furibonda quella che, nel corso della puntata di giovedì di Pomeriggio 5, precisa quanto successo il giorno prima durante l’intervista-sceneggiata a Ylenia, la ragazza messinese aggredita, a quanto pare dal fidanzato. La frase che aveva fatto arrabbiare molto commentatori (con tanto di hashtag su Twitter e ore di polemiche) è la seguente: “Ylenia, tu sai che per troppo amore a volte gli uomini diventano violenti”.

La D’Urso, che da anni si erge a paladina dei diritti delle donne e nelle sue trasmissioni ha spesso raccontato (nel suo consueto stile) vicende di violenza di genere e femminicidio, evidentemente non ci sta a passare per una “giustificazionista”, e dunque torna sull’argomento per spiegare meglio cosa intendeva: “Circola sui social – ha detto la conduttrice napoletana – una mia frase completamente decontestualizzata da un’intervista di mezz’ora. Naturalmente io stavo cercando disperatamente di convincere la ragazza, innamorata di questo ragazzo, che l’amore può degenerare e trasformare un uomo innamorato in uno schifoso criminale, una bestia che va punita e va curata. Questo io dico da nove anni e chi mi segue lo sa molto bene”.

Con tanto di bollino in sovrimpressione “Chi ti picchia non ti ama”, la D’Urso ha poi continuato: “Nessuno deve permettersi di pensare che io sono contro le donne. Io sono contro la violenza sulle donne da sempre. Quello non è amore”. Precisazione necessaria, a quanto pare, visto che quanto successo il giorno prima aveva alzato un polverone di proteste e reazioni indignate. Il problema, però, resta: nessuno ha mai creduto che Barbara D’Urso possa essere a favore della violenza o voglia giustificare un gesto del genere. La questione, invece, è il modo in cui si affrontano certi argomenti attraverso il genere televisivo dell’infotainment e il messaggio distorto che può arrivare al pubblico a casa

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pomeriggio 5, Barbara D’Urso scava (ancora una volta) tra le miserie umane dell’attualità. Lo share si alza, ma a che prezzo?

next
Articolo Successivo

Il Bello delle Donne: per fortuna era solo uno scherzo, vero Mediaset?

next