Da qualsiasi verso si girino le dimissioni di Carlo Verdelli, un punto è del tutto chiaro e cioè che la costituzione materiale della Rai nel settore informazione è un groviglio di fili (la politica vecchia, la politica nuova, le corporazioni, le Regioni, l’INPGI etc) che chi li tocca muore. Verdelli, ha impiegato una decina di mesi a prendere le misure alla questione. E’ vero, dieci mesi sono un attimo per un “esterno” e troppo per il ciclo vitale di un vertice Rai. Ma tuttavia, a leggere i giornali, il Nostro pareva giunto davvero al concreto, sventando gli approdi declamatori (tipo “la riforma deve essere innanzitutto deontologica e culturale”) e le banalità del manager della domenica (tipo “lotta a sprechi e ridondanze”).

E comunque, a frittata ormai fatta, è evidente che anche se le proposte le avesse miracolosamente formulate il giorno stesso della nomina, l’accoglienza del CdA non sarebbe cambiata perché quel consesso è stato composto con profili tali che rispetto alla competenza attiva prevale la rappresentatività passiva (politica e corporativa, magari in salsa narcisistica). Da qui la diffidenza, frutto anche di paura dell’ignoto, di fronte a proposte che guardino appena al di là del naso.

Sta di fatto che, dopo avere cincischiato per una anno, la Rai ha mancato una vera riforma delle strutture informative, e cioè l’unica davvero essenziale. Perché è lì che sta il passato che imprigiona la Rai impedendole la cittadinanza nel futuro. Il resto sono pinzillacchere e affabulazioni digitali, circa nuove televisioni, pseudo eventi sanremesi, “tv di qualità” vs “successi di pubblico”, “dobbiamo riconquistare i giovani”, eccetera eccetera. Basta avere presente, per capire la centralità della riorganizzazione delle strutture informative, che dal sistema di vasi comunicanti della azienda e del bilancio Rai, se non rimetti in circolazione la mano morta che proprio in quelle strutture si è nei decenni sedimentata, non salteranno mai fuori le risorse, cioè i centinaia di milioni, necessari per sviluppare il ruolo di pivot della industria audiovisiva e, in definitiva istanza, il protagonismo culturale senza i quali non si capisce perché il canone se ne stia acquattato nella bolletta della luce.

Risultato? Gli amministratori – immaginiamo anche in vista della firma della nuova Concessione calendarizzata nelle prossime settimane – hanno già cominciato a battere cassa per ottenere di poter servire le nuove Virtù (ce n’è sempre qualcuna da sventolare) senza disturbare i Vizi di sempre. Botte piena e moglie ubriaca: una nitida worst practice (un pessimo esempio) esibita a un Paese impegnato, si spera con più capacità e miglior fortuna, a sgusciare dal suo passato per non svenirci dentro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, tra le ragioni del No c’è anche il canone in bolletta. E gli evasori trovano nell’odiata Rai le proprie conferme

next
Articolo Successivo

Programmi di informazione, buoni gli share ma assomigliano sempre di più a club autoreferenziali

next