Alla somma dei due talk show del martedì, Carta Bianca e Dimartedì manca, nell’anno che corre, un quarto degli spettatori (cifra media) che Rai Tre e La7 si spartivano nelle scorse stagioni. I due programmi corrono paralleli, iniziando alle 21.15, e chiudendo bottega a mezzanotte. I due conduttori sono entrambi bravi e fanno equamente incazzare e compiacere i portavoce di partiti e non partiti, i twittaroli, tutto cerebro e concinnità, i facebookisti, prolissi e gattosi e financo i paparazzi dell’emozione, gli instagrammisti.

Secondo alcuni la causa del comune logorio di Carta Bianca e Dimartedì risiede nel formato stesso, e cioè in quella “chiacchiera” che, in tv, da teatro si fa “teatrino”, con battute, facce e birignao sempre uguali, proprio come nel baracchino delle marionette al Pincio o al Processo del Lunedì (che di tutti gli attuali talk show è la autentica matrice). Un destino – aggiungiamo noi – impossibile da evitare perché a quella serializzazione spinge l’intera essenza del broadcasting (la comunicazione da uno a molti) condannato a non deludere le attese nel pubblico piuttosto che a sorprenderle.

Ma, si dirà, se queste che abbiamo appena letto non sono sciocchezze, come si spiega che talk show politici concepiti e condotti non peggio di quelli di oggi riscuotessero appena ieri ascolti assai più cospicui? È risaputa la correlazione – evidente fin da Tangentopoli e dintorni – fra la fortuna delle chiacchiere in tv e le varie “catastrofi” nazionali: del modello istituzionale, della rappresentanza politica, dello stesso schema di divisione del lavoro e del reddito? Ma perché, mentre la catastrofe continua, l’ascolto tv oggi si ammoscia?

Forse, azzardiamo, perché internet ha spalmato il rapporto con le news, ma anche con i commenti, sulla intera giornata. Particolarmente, supponiamo, a pro (?) del pubblico elettivo dei talk show: in maggioranza maschile, un po’ più istruito – ma non troppo – della media, di varia condizione economica. Quelli che hanno fatto la fortuna auditel di Santoro, Lerner e Floris e che oggi giungono a sera avendo già metabolizzato notizie e riflessioni.

Se poi ancora qualcuno, giunto a casa, sintonizza il talk show, vuol dire che quel che gli interessa è proprio il lato agonistico del format, quello spettacolare. Qui però, a causa della serializzazione, la lotta libera volge rapidamente in wrestling col contributo degli applausi di cartapesta. E così la media degli spettatori si abbassa anche perché di quegli “spettacoli” ne basta e avanza meno di mezz’ora, rispetto ai 150 minuti dell’intera durata. Come statisticamente testimonia la “permanenza d’ascolto” di Floris, mentre quella di Bianca è anche inferiore. Forse perché risparmia sugli applausi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Report, la Coca Cola, il “rutto liberatorio”. E la dipendenza (anche Rai) dagli spot

next
Articolo Successivo

Otto e mezzo, Casaleggio senza fuochi d’artificio e senza avversari: più pubblicità informativa che propaganda

next