E adesso è guerra aperta con le altre aziende di distribuzione via Internet di contenuti di qualità: documentari, film e soprattutto le migliori serie tv sulla piazza globale. A poco più di un anno dallo sbarco di Netflix in Italia, un altro gigante annuncia il suo arrivo a vele audiovisive spiegate, e a tariffe ribassate: Amazon Prime Video è ora disponibile anche nel nostro Paese, e oltre che da noi le sue produzioni viaggeranno pure in Germania, Austria, Regno Unito, Giappone. In tutto duecento nazioni: e così questa imponente piattaforma di visioni online, gemella diversa del moloch del commercio elettronico da cui prende il nome, esce dai soli Usa per cercare di conquistare il pianeta in streaming.

Sfruttando la capillarità del marchio-madre che conoscono e frequentano ormai un po’ tutti: dal geek smanettone di città all’anziano benestante rinserrato nella sua villetta a schiera, lo shopping sul web è diventato una consuetudine di massa. E altro che il Black Friday, la calata di Amazon Prime Video nel resto del mondo connesso: fin da subito si può scegliere tra centinaia di film e “spoileratissime” serie tv, anche in Ultra HD 4K e HDR. Vedremo pellicole divise per genere in lingua originale, doppiate in italiano e con sottotitoli; spettacoli televisivi, intrattenimento per bambini e ragazzi e un profluvio di acclamati gioielli del grande cinema serializzato contemporaneo come The Grand Tour (numero 1 del momento su Imdb), Transparent (Golden Globe, Emmy e BAFTA), Mozart in the Jungle (già vincitrice del Golden Globe), Tumble Leaf (la serie animata divoratrice di Emmy), The Man in the High Castle (La svastica sul sole), Z: The Beginning of Everything con Christina Ricci, Creative Galaxy, Hand of God, Red Oaks. E nel 2017 arriveranno tra i tanti Crisis in Six Scenes, la prima serie di Woody Allen, Goliath di David E. Kelley e la docuserie American Playboy: The Hugh Hefner Story. Tra “Originali Amazon” e contenuti fortemente Amazon-compatibili.

Prime Video (che funziona sia con tecnologia Html5 che con Silverlight) è disponibile da ieri gratis, senza costi aggiuntivi, per tutti gli iscritti ad Amazon Prime in Italia, Spagna, Francia, Belgio, Canada e India, che versano già 19,99 euro all’anno in cambio delle consegne fulminee delle merci comprate su Amazon. Nelle altre latitudini, il prezzo di lancio è di 2,99 dollari (o 2,99 euro) al mese per i primi sei mesi e di 5,99 euro al mese in seguito. Per l’accesso col browser, l’indirizzo da segnare tra i preferiti è PrimeVideo.com; ma sono state rilasciate anche le app per smartphone e tablet iOS e Android, tablet Fire e alcuni modelli di Smart TV. Sarà possibile inoltre scaricare i titoli su dispositivi mobili per la loro fruizione offline. “E ciò che è davvero emozionante è che siamo solo all’inizio” gongola Tim Leslie, vicepresidente di Prime Video.
.

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Parassiti, scrocconi, egoisti, miserabili mangiatori”: così i “banditi della tartina” si spacciano per giornalisti e ‘infestano’ eventi e presentazioni

next
Articolo Successivo

Gianni Morandi, brutto incidente per il cantante di Monghidoro: “Il dolore è stato fortissimo”

next