C’è qualcosa che salva nell’approccio omeopatico e che andrebbe adottato anche in medicina? 

W.R.: Certamente l’approccio olistico che viene utilizzato nel paziente, l’attenzione all’interazione mente-corpo, che evidentemente è sempre più necessaria, vincono sulla parcellizzazione che spesso viene operata nella medicina tradizionale. Che cura sempre più l’organo e sempre meno la persona nel suo complesso. Tuttavia, credo sarebbe preferibile che la medicina convenzionale recuperasse questo spazio, che è anche uno spazio di dialogo con i pazienti, e che certamente fa parte a pieno titolo della cura. Piuttosto che ritardare cure efficaci, a mio parere un rischio reale, concreto e forse il più importante.

Che cosa l’omeopatia non può in alcun caso sostituire della medicina tradizionale?

S.B.: L’omeopata, secondo il codice di deontologia medica, non deve sottrarre il paziente a cure più efficaci. Pertanto, l’omeopatia non può che essere complementare alla medicina ortodossa, una sua alleata e non un’alternativa. È il medico che fa una diagnosi e sceglie, in scienza e coscienza, di cosa ha bisogno il paziente: se solo del medicinale omeopatico, oppure di entrambi, o ancora solo del farmaco chimico o di un intervento chirurgico. L’omeopatia non cura, ad esempio, il cancro, ma aiuta l’organismo a sopportare meglio le terapie anticancro. Così come può essere molto utile per migliorare il tono dell’umore del paziente colpito da una malattia grave. In allergologia, invece, grazie alla cura omeopatica è possibile svezzare il paziente dal cortisone o dall’antistaminico in un’alta percentuale di casi. Per contro, il diabete di tipo I, cioè quello insulino-dipendente, non può fare a meno dell’insulina. Che, infatti, nessun medico omeopata toglierebbe mai al suo paziente.

La circolare dell’agenzia Usa

INDIETRO

Omeopatia, in Usa obbligatorie le etichette “non funziona”. Ricciardi (Iss): “Giusto, il welfare scelga le priorità”. Bernardini (Siomi): “Benefici se integrata”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata mondiale contro l’Aids, le verità scomode sulla lotta al virus Hiv

next
Articolo Successivo

Cancro al polmone, a Ugo Pastorino il Joseph Cullen Award: “Pioniere negli studi sulla chemioprevenzione”

next