L’esondazione del torrente Fereggiano il 4 novembre 2011 aveva ucciso quattro donne e due bambine. Una tragedia per la quale l’ex sindaco di Genova, Marta Vincenzi, è stata ora condannata a cinque anni. Nelle ore in cui l’alluvione stava sommergendo Genova, le telecamere di Servizio Pubblico hanno ripreso le proteste dei cittadini. Nel servizio andato in onda durante la puntata del 13 novembre 2011, gli abitanti avevano detto: “La sindaca ci ha fatto passare da deficienti, dicendo che noi dovevamo sapere cosa fosse l’allerta 2. Prevedere! Bisogna prevedere bisogna, non fare opere faraoniche come il ponte di Messina!”. Chi ha perso la casa, chi ha avuto danni al negozio. Ma tutti denunciano: “Non è stato fatto nulla per anni, anche se l’allarme era stato lanciato più volte”.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Mausoleo di Augusto: partono i lavori, ma solo del primo lotto

next
Articolo Successivo

Robinù, mercoledì 30 novembre l’anteprima del film nel carcere di Poggioreale

next