L’esondazione del torrente Fereggiano il 4 novembre 2011 aveva ucciso quattro donne e due bambine. Una tragedia per la quale l’ex sindaco di Genova, Marta Vincenzi, è stata ora condannata a cinque anni. Nelle ore in cui l’alluvione stava sommergendo Genova, le telecamere di Servizio Pubblico hanno ripreso le proteste dei cittadini. Nel servizio andato in onda durante la puntata del 13 novembre 2011, gli abitanti avevano detto: “La sindaca ci ha fatto passare da deficienti, dicendo che noi dovevamo sapere cosa fosse l’allerta 2. Prevedere! Bisogna prevedere bisogna, non fare opere faraoniche come il ponte di Messina!”. Chi ha perso la casa, chi ha avuto danni al negozio. Ma tutti denunciano: “Non è stato fatto nulla per anni, anche se l’allarme era stato lanciato più volte”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, Mausoleo di Augusto: partono i lavori, ma solo del primo lotto

prev
Articolo Successivo

Robinù, mercoledì 30 novembre l’anteprima del film nel carcere di Poggioreale

next