La bestemmia da contestualizzare
Ottobre 2010, Berlusconi racconta una barzelletta che ha per oggetto Rosy Bindi (i punti in comune con De Luca fioccano), storiella che si conclude pure con una mezza bestemmia. Pochi giorni prima ha detto che la magistratura è un’associazione a delinquere. ”Associazione a delinquere – spiega Denis Verdini, coordinatore del Pdl alla festa del partito – è una parola forte, una reazione a qualcosa. Non un pensiero. E’ come le parolacce e le bestemmie: a volte scappano, succede a tutti”. Dall’altra parte Paola Binetti, allora nell’Udc e ora in maggioranza, parla di barzellette “più disgustose che spiritose”. Marina Sereni, Pd, attuale vicepresidente della Camera, aggiunge che sono “volgarità”.

Fuori classifica monsignor Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della nuova evangelizzazione: ”Bisogna sempre in questi momenti saper contestualizzare le cose e, certamente, non bisogna da un lato diminuire la nostra attenzione, quando siamo persone pubbliche”.

“De Luca scherzava”, la giustificazione del Pd copiata da Fi. Quando assolveva sempre Berlusconi: dalla mafia al kapò

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Senato, è legge ddl sulla canapa: agricoltori non responsabili se principio attivo resta entro lo 0,6

prev
Articolo Successivo

Beni culturali, nel bilancio del ministero 175mila euro per monitorare patrimonio a rischio. 36 milioni ai lavori pubblici

next