Arrestato per aver inquinato il mare degli Stati Uniti. E’ questa l’accusa che ha portato in carcere l’ingegnere italiano di una petroliera battente bandiera tricolore. La sua colpa? Aver deliberatamente nascosto di aver scaricato rifiuti nell’oceano Atlantico. La notizia è stata riportata dai media Usa. L’uomo in questione si chiama Girolamo Curatolo, è siciliano, e si è dichiarato colpevole davanti al tribunale federale di Newark, in New Jersey: ora è stato condannato a otto mesi di carcere e al pagamento di una multa di 5mila dollari. Gli scarichi provenivano da una nave di proprietà della società D’Amica Shipping Italia S.p.A., che ha visitato i porti di Everglades in Florida, Baltimora e Bayonne. Curatolo, ingegnere capo della nave cisterna, ha ammesso di non aver utilizzato le attrezzature contro l’inquinamento, oltre ad aver istruito i membri dell’equipaggio di mentire alla Guardia Costiera americana durante le ispezioni. Anche l’ingegnere Danilo Maimone si è dichiarato colpevole e verrà condannato a gennaio. Curatolo ha anche confessato di aver falsificato il registro di bordo, ordinando ai membri dell’equipaggio di distruggere i registri originari. Già durante le indagini, la d’Amico Shipping Italia, società armatrice della Cielo di Milano, ha dichiarato in una nota di aver “collaborato fin dal primo momento con le autorità americane affinché si facesse chiarezza sulla vicenda che ha coinvolto la nave”. “Il comportamento sia del direttore di macchina che del suo primo ufficiale non è stato in linea né con le procedure aziendali né con le normative internazionali – ha spiegato ancora – La totale estraneità dell’azienda rispetto al comportamento dei due ufficiali ha evitato la detenzione della nave, differentemente a quanto accaduto con altri armatori in situazioni analoghe”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, il viaggio di un frigorifero rotto dalla cucina al centro di raccolta. Ecco com’è andata

next
Articolo Successivo

Referendum, un Sì a sostegno di finanza e grandi opere

next