Riforma? Chi dice che è scritta male ed è pasticciata non sa di cosa parlare e quindi tira fuori argomenti astrusi. Le norme devono produrre un effetto, non è che devono essere comprensibili“. Sono le parole del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, ospite de L’Aria che Tira (La7). La dichiarazione scatena il brusio del pubblico in studio e, di fronte allo stupore della conduttrice, Myrta Merlino, il deputato Pd commenta: “Forse ho fatto un lapsus e non me ne sono accorto”. Poi attacca duramente il fronte del NO al referendum costituzionale: “Si è trasformato il referendum in una cosa pro o contro Renzi. E’ un atto colpevole. Il NO è avanti nei sondaggi? Se si sommano tutti quelli contro il governo, dai naziskin all’estrema sinistra alla minoranza Pd, al M5S fino alla Lega, è chiaro che numericamente sono di più. Sono un’accozzaglia di posizioni completamente contrapposte tra di loro, sono unite solo dall’odio, dall’ostilità, dalla voglia di dare una spallata a Renzi”. E accusa: “Sono i leader di questi movimenti e partiti a essere colpevoli di tale scelta di trasformare il referendum in qualcos’altro. Non hanno nessuna proposta positiva, neppure una stessa idea di riforma alternativa”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tg Porco, in onda l’ennesimo “scontro” fra Giorgia Meloni e Maria Elena Boschi

prev
Articolo Successivo

Renzi vs Gomez: “De Luca su Bindi? Parole sbagliate, ma lui è un campione dell’antimafia”

next