“Li dentro stiamo morendo ogni giorno. Siamo tutti ammalati. Le docce non hanno l’acqua fredda. Ci mancano i vestiti per affrontare l’inverno. Siamo malnutriti”. Il migrante subsahariano si ferma un attimo, giusto il tempo di fissare per qualche istante il ragazzo seduto accanto a lui. “E sai qual è la cosa che ci fa più soffrire? Che il maltrattamento che subiamo è legato al fatto che abbiamo la pelle nera”. Impossibile entrare dentro l’hub di Bresso, il centro di smistamento che accoglie il maggior numero di migranti in arrivo nel capoluogo lombardo. Per farci raccontare cosa succede dentro le alte mura del centro gestito dalla Croce Rossa alle porte di Milano, sono dovuti uscire loro, i richiedenti asilo che da quasi un anno aspettano di capire che fine abbia fatto la loro richiesta di protezione umanitaria. “Il campo non è predisposto per accogliere così tante persone. Dovrebbe ospitare sulle 300, e invece, da un anno, ne ospita più del doppio, ovvero 600-700“, raccontano alcuni volontari dello Sportello solidale migranti e rifugiati di Ri-make, spazio di mutuo soccorso a pochi passi dal centro militarizzato. “I migranti sono parcheggiati in un’attesa infinita, in una zona grigia dove hanno pochissimi diritti”. Lo confermano le parole dei richiedenti asilo, terrorizzati all’idea di farsi riconoscere perché certi che la direttrice del centro li caccerebbe se venisse a sapere che hanno raccontato la situazione in cui vivono. “Sai, dentro all’hub non facciamo niente per tutto il giorno. Stiamo diventando pazzi. Siamo diventati pazzi”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Sei lesbica”. Ventenne picchiata ripetutamente dai genitori tra insulti e minacce di morte

prev
Articolo Successivo

Valeria Solesin, a un anno dal Bataclan borsa di studio per lei. La madre: ‘L’Italia pensi ai giovani, non sprechi talenti’

next