Secondo Gustavo Zagrebelsky quando gli italiani dovettero decidere, nel 1946, tra monarchia e Repubblica il clima era più sereno di oggi. “Io, che sono anziano, non ricordo un referendum in un clima come questo, nemmeno quello del 2 giugno aveva spaccato così il Paese. La posta in gioco era rilevante, ma la Dc aveva lasciato libertà di voto ai propri elettori e questo aveva contribuito ad abbassare il tono del conflitto”. Il presidente emerito della Corte costituzionale ha partecipato al XXI congresso di Magistratura democratica a Bologna. Un congresso che ha preso apertamente posizione contro la riforma costituzionale voluta dal governo di Matteo Renzi e che ha voluto, come ospite d’onore, proprio il Zagrebelsky, che è anche presidente onorario del comitato per il No al referendum. “Il Paese è diviso in due “, ha detto il giurista. “Se vince il ‘Sì’, ci sarà una resa dei conti nei confronti di chi ha osteggiato questa politica, se vince il ‘No’, c’è il rischio di destabilizzazione costituzionale in una materia dove, viceversa, la concordia costituzionale dovrebbe essere il primo obiettivo a cui mirare”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforme, autogol Boschi: “Bicameralismo rimarrà per il 3 per cento dei casi”

next
Articolo Successivo

Riforme, la ‘confessione’ di Zagrebelsky: “Intrattengo rapporti epistolari con Brunetta”

next