“Per la prima volta a Palazzo Chigi si mette in piedi una struttura tecnica che deve mettere insieme i dati del passato in una logica sinergica”. Così Matteo Renzi ha presentato ai dottorandi del Politecnico di MilanoCasa Italia“, il piano nazionale a lungo termine del governo per la prevenzione antisismica. Il responsabile del progetto è il rettore del Politecnico Giovanni Azzone. Ma non tutti i dottorandi presenti nell’aula magna sono rimasti convinti dalle parole di Renzi: “L’intervento mi è parso portato avanti per slogan – spiega Gianluca Caramiello, dottorando in ingegneria strutturale sismica e geotecnica -. Non vedo novità ed è stato troppo generico non capisco come si passi dalle parole ai fatti”. Renzi ha puntato molto sul recupero dei tanti piccoli borghi distrutti dal terremoto: “La storia del nostro paese è nata lì, per questo vanno difesi”. Ma anche su questo tema non sono state apprezzate dal ricercatore: “I borghi si abbandonano perché non c’è prospettiva lavorativa. Non ripartono con le parole, ripartono se c’è una prospettiva economica dietro. Noi siamo tutte persone che su questi temi ci lavorano. Per questo mi sarei aspettato che si scendesse di più sui dettagli tecnici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Campidoglio, giunta Raggi contro Roma Metropolitane: “Non fa il suo lavoro”. Ipotesi chiusura

next
Articolo Successivo

M5s, il consulente per l’Ambiente della Raggi a lezione di rifiuti da Pizzarotti: “Parma eccellenza italiana”

next