Una legge lombarda del 2014 vieta l’installazione di nuove slot machine nei bar entro i 500 metri dalle scuole. Una misura che in realtà non ha avuto gli effetti sperati dato che nel 2016 tutte le scuole milanesi sono ancora circondate dalle slot. Molti bar, inoltre, non rispettano gli orari e le slot rimangono sempre accese. I gestori si difendono così: “Sono sempre spente. Solo oggi sono accese e se entrano i bambini le spegniamo”. Dall’altra parte David Gentili, presidente della Commissione Antimafia del Comune di Milano, ammette le difficoltà dell’amministrazione: “L’ordinanza sugli orari del Comune è molto difficile da far rispettare. Gli esercizi pubblici con le slot sono tanti. Inoltre molti non hanno voluto rispettare l’ordinanza perché la multa di 500 euro era accettabile rispetto all’incasso quotidiano ottenuto”. Le slot-machine installate negli esercizi pubblici milanesi sono 8mila.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bimba aggredita da un rottweiler, salvata dal nonno che ha ucciso cane a coltellate

prev
Articolo Successivo

Terremoto, Settis: “Incapacità di prevedere. A prevenzione si preferisce ponte sullo Stretto”

next