Sì, avete letto bene, nei primi sei mesi 2016 gli ebook hanno registrato una crescita del 54,4% rispetto allo stesso periodo del 2015, passando dai 26.908 titoli dello scorso anno ai 41.538 dell’anno in corso. Il dato è stato comunicato da Federico Motta, presidente Aie (Associazione Italiana Editori), durante la BuchMesse, la fiera del libro che si è tenuta dal 19 al 23 ottobre a Francoforte.

In altre parole sono stati proposti più libri in formato digitale che in versione cartacea. Indubbiamente a questo boom hanno contribuito anche i self-publisher con la autopubblicazione delle loro opere.

Sempre secondo Aie, alla fine del 2015 il mercato ebook rappresentava una quota del 4,2% dei canali trade raggiungendo un valore pari a 51milioni di euro, vale una crescita del 25,9% rispetto al 2013, un andamento confermato anche nel 2016.

Però il digitale non è solo ebook. Comprende, infatti, ebook più banche dati e servizi web ad aziende e professionisti, e nel 2015 valeva circa 279 milioni di euro (+16,9% rispetto al 2014), rappresentando l’11% del mercato. Vale la pena sottolineare che, nel 2011, questo stesso mercato raggiungeva solo il 5,2%.

Questo significa senza ombra di dubbio che gli ebook stanno lentamente conquistando i lettori italiani. E hanno convinto anche gli editori che stanno scoprendo il vantaggio di riproporre i libri fuori catalogo in versione digitale. Ormai quasi tutti gli editori pubblicano contemporaneamente la versione cartacea e quella digitale, finalmente hanno compreso che questo si traduce in una scelta più ampia per il lettore e una maggiore possibilità di vendita.

Ma pubblicare non significa vendere, infatti in Italia si continua a scrivere molto e leggere poco. Le copie vendute registrano nei primi sei mesi del 2016 un calo del 2,9%, indubbiamente più contenuto rispetto al 5% del 2015, ma ancora negativo. Chissà se nel 2017, con la complicità delle nuove fiere dedicate ai libri, riusciremo a tornare al segno positivo? A proposito di fiere, non mi ero sbagliata: Tempo di Libri ha scelto di affidare la squadra dedicata al digitale a Nina Klein che vanta una grande esperienza internazionale.

E infine una curiosità. Quali sono i più grandi editori al mondo? Difficile rispondere, ci ha provato Publishers Weekly pubblicando la classifica, considerando il fatturato, dei primi 57 editori mondiali. La vecchia Europa – Uk, Germania, Olanda – piazza ben quattro editori tra i primi cinque, la Cina tallona al sesto posto.

E l’Italia? Compare solo alla 35° posizione con Messaggerie/Gems. Il gruppo editoriale Mauri Spagnol-Gems controllato al 77,7% da Messaggerie Italiane, il più grande distributore italiano che però, non ha grandi catene di librerie al contrario di Mondadori che è al 37° posto.

Il dato interessante è proprio questa commistione nel mercato editoriale del nostro Paese in cui alcuni, come Modadori, Giunti e Feltrinelli, fanno tutto: editori, distributori e rivenditori: editori, distributori e rivenditori generando una grande confusione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cyberattacchi, ecco come la Gran Bretagna si prepara alla guerra del futuro

next
Articolo Successivo

Apple, i nuovi MacBook Pro: “Mai stati così sottili”. In Italia a partire da 1.749 euro

next