Matteo Renzi ha varato la Legge di Bilancio per il 2017 da 26,5 miliardi. Nella conferenza stampa di Renzi e Padoan dopo il consiglio dei ministri, spazio anche per il decreto per la “rottamazione di Equitalia” collegato alla manovra: “Non c’è un condono, ma la cancellazione non delle multe bensì degli esosi interessi di mora“, ha sottolineato Renzi a proposito degli effetti attesi dalla sanatoria delle cartelle esattoriali da cui il governo si aspetta di incassare 4 miliardi di euro. “Chiudere Equitalia significa chiudere con quel modello e aprire un meccanismo per cui quando non paghi una tassa ti arriva un sms: se mi scordo. Ci sarà un periodo di almeno 6 mesi – sottolinea il Presidente del Consiglio – per definire la chiusura della società di riscossione con l’ingresso nella Agenzia delle entrate“. Sempre in ambito fiscale, è confermata anche la nuova voluntary disclosure, da cui sono attesi 2 miliardi di euro, un’operazione che secondo il Renzi “non ha alcun elemento di condono”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trasporti marittimi, annullata la maximulta agli armatori napoletani. Giustizia è fatta?

next
Articolo Successivo

Petrolio, la crisi del petrodollaro a cui nemmeno la Germania può sottrarsi

next