La campagna per il referendum costituzionale sta entrando nel vivo e già non ne possiamo più. Me ne sono accorto l’altra sera, davanti a Enrico Mentana che, con un rivolo di saliva all’angolo della bocca, annunciava l’ennesimo faccia-a-faccia su La7, stavolta fra la Boschi e Salvini (a proposito, ciao Matteo). A quell’ora guardo la tv lavando i piatti, ma ho girato automaticamente su Un posto al sole… Basta, siamo entrati in uno psicodramma collettivo a confronto del quale la Brexit è una cosa decorosa, con una campagna breve e un quesito semplice. Qui, invece, ci stiamo sterminando per dei paragrafi, come diceva Voltaire delle guerre di religione.

Io me ne occupo da anni, da subito l’ho chiamato il referendum-fine-di-mondo, ma non riesco ad amarlo come il dottor Stranamore amava la bomba. Poi fatalmente battero anch’io il Friuli trattino Venezia Giulia per il No, e dunque finirò per ripetere le stesse scempiaggini che sento in giro, ma qualcosa dentro di me si ribella: il cervello, forse addirittura l’anima. Del resto, fate un respiro profondo e pensateci anche voi: ma di cosa diavolo stiamo parlando? Del futuro del paese, delle sorti della democrazia, o dell’elezione del Senato da parte dei Consigli regionali e delle province autonome di Trento-e-Bolzano?

Con che faccia mi presenterò ai miei studenti – cui ho chiesto di zittirmi se apro bocca sul tema – dopo aver partecipato a questa corrida? Certo, non tutti hanno la stessa responsabilità del fattaccio. Un responsabile principale c’è, ed è lo stesso cui pensa il povero ex-sindaco di Roma Marino quando gli chiedono chi l’ha cacciato. Domanda retorica: ma si sarà almeno pentito, il Matteo number one, di aver scatenato questo putiferio sulla Costituzione, che dovrebbe unire e non dividere? Andreotti direbbe: ci sono pazzi che si credono Napoleone, altri che vogliono fare le riforme costituzionali, e poi ce n’è uno che vorrebbe fare entrambe le cose.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Direzione Pd, Renzi: ‘Cambieremo Italicum dopo referendum’. Minoranza non si fida: ‘Insufficiente, votiamo No’

next
Articolo Successivo

Riforme, Cuperlo: “Senza accordo vero su Italicum, al referendum voto No e mi dimetto”

next