Alla Camera dei Deputati, durante la presentazione del ‘Riformisti per il No‘, comitato referendario promosso da Stefania Craxi e Stefano Caldoro, Renato Brunetta ipotizza che con la vittoria del Sì al Referendum: “Renzi si monterà la testa e vorrà andare ad elezioni anticipate e mettiamo che però vinca il M5S: a quel punto avremmo una Camera ‘grillina’ ed un senato del Pd, cioè due maggioranze diverse, sarebbe il caos. Immaginatevi cosa farrebbero i ‘piddini’ al Senato: ci sarebbe la guerra costante contro la Camera M5S”. Poi il capogruppo azzurro però non nasconde anchel’obiettivo politico del suo ‘No’: “Certo che voglio mandare a casa Renzi. Sarebbe così costretto a cercarsi un lavoro, lui che non ha mai lavorato in vita sua. Sarebbe una soddisfazione troppo bella e gli italiani se la sognano anche la notte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audizioni pubbliche per le partecipate, sì di Novara e Savona. Roma e Torino al lavoro, Bologna tace

next
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, Muraro svicola le domande. Poi l’abbraccio della consigliera M5S: “Coraggio”

next